:

Indietro

Edificio Canopi

Pergine


Lo stemma in pietra dell’antica corporazione dei Canopi, raffigurante gli strumenti del mestiere, visibile sul portale, ci ricorda l’originaria funzione dell’edificio. Fu infatti sede dei Canopi (dal tedesco Knappen), i minatori in gran parte di origine tedesca che lavoravano nelle miniere d’argento, rame e piombo del Perginese e della Valle della Fersina.

La Confraternita dei Minatori venne sciolta verso la fine del XVIII secolo e più tardi l’edificio divenne proprietà comunale, dato in locazione ed adibito ad osteria e pensione.

Nel 1892 la struttura originaria venne ampliata e modificata e sul retro dell’edificio fu costruito uno stabilimento per bagni terapeutici.

Nel 1920 - 21 l’architetto Eduino Maoro progettò un nuovo stabilimento bagni che utilizzava l’acqua di Sant'Orsola a scopi curativi. Questa parte dell’edificio è andata perduta in seguito al crollo verificatosi nel febbraio del 1986.